La stanza del traduttore

Raccoglie spaccati di vita, ricordi, frammenti del quotidiano di chi lavora dietro le quinte di un libro: il traduttore, l'autore invisibile per eccellenza.

Un luminoso spazio abusivo

Lo spazio in cui oggi svolgo la mia attività è abusivo. Nel vero senso della parola. La mia stanza, infatti, è stata ricavata dal terrazzo. Ma la padrona di casa mi ha garantito che è stata condonata.

Si trova al quarto piano di una palazzina in cortina, a due passi dal parco che ospitava l’ex manicomio provinciale di Santa Maria della Pietà, dove oggi la gente (me compresa) va a passeggiare, a fare jogging e a portare il cane. E, forse, a immaginare come doveva essere vivere qui, in questo luogo di pazzi, fino agli anni ‘80, prima che venisse attuata la legge Basaglia.

La mia stanza è esposta a est, e dalle grandi finestre si vede sorgere il sole. La mattina presto gli uccellini si contendono lo spazio sonoro con i clacson impazziti degli automobilisti diretti al lavoro. Ma alla lunga sono sempre i pennuti ad averla vinta.

È decisamente la stanza più bella della casa, con pareti bianche a vista (a mo’ di loft americano) che le tende dipingono di fucsia e arancione quando c’è molto sole.

Sulla scrivania di legno che mi è impossibile tenere in ordine, accanto al portatile, c’è il modem su cui spesso riposa la mia gatta tigrata. A volte sogna: lo capisco perché muove nervosamente la coda e le vibrisse e fa strane smorfie. A volte finge di dormire ma mi tiene d’occhio e appena mi alzo dalla sedia fa un balzo e si butta a terra sulla stuoia per farsi coccolare e stropicciare. Altre volte, invece, salta silenziosamente sulla scrivania mentre scrivo e mi cammina davanti con la coda dritta o si arrampica rumorosamente sullo schienale della sedia perché vuole attenzione. Ma questo lo fa anche la grigia. La roscia, invece, se ne sta sempre per conto suo. Dorme sulla poltrona del suo stesso colore e va a caccia di farfalle e geki sul terrazzo. È una gatta tutta d’un pezzo.

Sulla parete sopra la scrivania c’è una bacheca di sughero con sopra una striscia ingiallita dei Peanuts, la foto tessera di un’amica datata 2/3/’89, un calendario del panificio di Via Tor de’ Schiavi raffigurante vetrine di vecchi negozi (“Old stores”) sul quale annoto appuntamenti e scadenze, la foto seppia di mia nonna circondata dalle cinque figlie femmine (tra cui mia madre che, nonostante i suoi quattro anni, ha già le mani grandi) e altre carte e ritagli. L’angolo in alto a destra della bacheca è completamente scorticato perché la gatta (quella del modem) ci si fa le unghie. Sulla parete, più in alto a destra, il poster di Edward Hopper Cape Cod Morning,raffigurante una donna che guarda fuori, oltre il bovindo blu.

Da lassù vede i panni stesi sui terrazzi di Montemario sbattuti dal vento, le alte cime degli alberi che ondeggiano, gli arcobaleni che si formano subito dopo un temporale e, se l’aria non è troppo inquinata, il profilo dei Castelli romani, che di notte sono illuminati da mille luci e dalla luna che dal quarto piano sembra immensa.

Elena H Rudolph è nata a Roma. Si è laureata con lode in Lingue e letterature straniere presso l’Università degli Studi di Roma La Sapienza e ha conseguito il Master di II livello in traduzione presso lo stesso Ateneo.
Effettua scouting letterario e traduzioni per l’editoria e per lo spettacolo.
Insieme all’amica Tiziana Cavasino ha curato la raccolta di racconti Pensi che ci saremmo potuti conoscere in un bar? Racconti dall’Europa dell’est (Caravan Edizioni, 2010, introduzione di Giulio Mozzi), parte di un progetto molto più vasto e ambizioso che continua a portare avanti.
Tra le altre cose ha curato la pagina culturale di un webzine, è stata consulente per l’Istituto Luce e ha lavorato in ambienti internazionali e d’ampio respiro.
[Da dicembre 2011 vive a Lubiana, in Slovenia, e la sua nuova stanza – con immancabile vista sul castello – si trova tra la biblioteca dell’università e il ‘ferro da stiro’ di Jože Plečnik.]

2 commenti su “Un luminoso spazio abusivo

  1. Pingback: Camere con vista, localizzatori visionari e sottotitoli gratuiti : European School of Translation

  2. Pingback: #lavorobenfatto - ilSole24ORE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: