La stanza del traduttore

Raccoglie spaccati di vita, ricordi, frammenti del quotidiano di chi lavora dietro le quinte di un libro: il traduttore, l'autore invisibile per eccellenza.

Dentro una cornice carta da zucchero

Nella stanza che ho scelto come mio studio è il bianco il colore predominante: porta a cassettoni originale anni ‘50 bianca, pareti bianche, finestra in PVC bianca, libreria BILLY bianca, pavimento in graniglia di marmo bianco, sedia bianca.

I colori che spiccano su questo sfondo candido sono quelli dei dorsi dei libri e delle cornici, carta da zucchero per la cornice della porta d’ingresso e rosso lacca per la cornice del mio papiro di laurea attaccato alla parete.

È la stanza più difficile. È difficile parlarne, entrarci, starci, starci da sola, starci in due, riordinarla, pulirla e, soprattutto, farci entrare gli altri.

È la stanza che contiene gli oggetti più preziosi: i miei libri e i libri miei, i libri in prestito, i libri dei miei amici, i libri che ho tradotto, i libri che vorrei tradurre, i dizionari delle lingue che conosco e che vorrei conoscere meglio, le foto del mio adorato nipote, la mappa di Citera che sta lì a ricordarmi il viaggio con Sofia, il carteggio epistolare degli amori di un tempo, quando ancora credevo nell’esistenza dell’uomo ideale, la finestra sul cortile, la mia tesi di laurea, il mio Kavafis, le foto dei miei avi, il quadro di Luigi con la villa traballante, la foto col semaforo rosso di Luca, la mia tesi di Master, il mio Anghelopulos.

È la stanza che contiene i miei ricordi e le carte che un giorno, quando i miei ricordi si saranno offuscati, mi aiuteranno a ricordare.

È una stanza solo mia, più mia e più bianca delle altre stanze di casa, che sono tutte mie e tutte bianche.

Tiziana Cavasino è nata a Erice (TP) e dal 1987 vive a Padova.
Si è laureata con lode in Lingue e Letterature Straniere Moderne presso l’Università degli Studi di Padova e si è poi specializzata in traduzione letteraria dal greco moderno con un master di II livello presso l’Università di Roma La Sapienza.
Ha tradotto saggi, sceneggiature, poesie, racconti e libri per bambini. In particolare, ha tradotto opere di Costantino Kavafis, Thodoros Angelopoulos, Katerina Angelaki Rooke, Basil Karadais, Zeta Kunduri e Alki Zei.
Ha curato le seguenti antologie:
Theo Angelopoulos (Revolver 2004) in collaborazione con Paola Maria Minucci e Michail Leivadiotis;
Costantino Kavafis, Eroi, amici e amanti (Baldini Castoldi Dalai 2006);
Pensi che ci saremmo potuti conoscere in un bar? – Racconti dall’Europa dell’Est (Caravan 2010) in collaborazione con Herta Elena Rudolph.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: